Protezione di specie botaniche

Nell‘ Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino viene attribuito un elevato valore alla natura. La natura è la base per il nostro futuro. Ci dà forza vitale. È quindi essenziale mantenerla e proteggerla.

Con la questione giuridica dell’Euregio siamo ospiti di dott. Thomas Wilhalm, conservatore di botanica presso il Museo di Scienze Naturali dell'Alto Adige.

 

 

Ulteriori Informazioni

  • Dott. Wilhalm, ci potrebbe spiegare come è regolamentata la protezione di specie botaniche nella nostra Euregio?

"La tutela delle specie si basa essenzialmente su due fondamenti. Uno è la legislazione provinciale. In Alto Adige è la “legge di tutela della natura” del 2010 che stabilisce la protezione delle specie. [In Tirolo è la Naturschutzverordnung del 2006 e in Trentino la „Legge Provinciale sulle foreste e sulla protezione della natura“ del 2007.]Il secondo fondamento è costituito dalla direttiva 92/43 dell’Unione Europea, la cosidetta direttiva Habitat che ha lo scopo di promuovere il mantenimento della biodiversità attraverso la conservazione degli habitat naturali. Questa direttiva obbliga tutti gli stati dell’Unione alla tutela di specie e habitat."

  • Ci sono quindi una serie di regolamenti in questo settore. E come vengono attuati?

"Sul livello della legge provinciale – e ciò vale per tutte le tre provincie – vi sono regolamenti e sanzioni, di norma sono sanzioni pecuniarie. Un tale regolamento è per esempio che è generalmente vietato raccogliere piante in zone tutelate. Un importante strumento della legge sono le liste allegate di specie da tutelare. Con tutela si intende il divieto di raccolta ma anche il divieto di distruggere l’habitat della pianta.Riguardo la direttiva Habitat ogni stato e alla fine ogni provincia è obbligato a proteggere habitat e specie di interesse comunitario, che sono elencate nell‘allegato della direttiva. Nel caso si tratti di cosidetti habitat e specie prioritari, la provincia deve designare aree speciali di conservazione, i cosidetti siti di importanza comunitaria (SIC)."

  • Cos’è Natura2000 e di quanto è la percentuale di queste aree nei singoli territori dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino?

"Natura2000 è una rete europea di SIC, cioè di siti di importanza comunitaria. Questi contengono degli habitat e delle specie che secondo la direttiva Habitat vanno protetti. La conservazione in questi SIC viene effettuata tramite piani di gestione con l’obiettivo minimo di non peggiorare la situazione degli habitat e specie determinati.In Alto Adige sono stati designati 57 siti di importanza comunitaria che coprono ca. 20 percento del territorio provinciale. In Tirolo sono 13, con una percentuale di 15 e nel Trentino 142 con una percentuale di 28."

  • Quali sono le difficoltà più grandi nell’attuazione della protezione delle specie?

"Da una parte sono i dati che creano problemi. Quando si hanno troppo pochi dati sulla distribuzione e sulla minaccia delle specie vegetali e sugli habitat in cui vivono prevalentemente, è difficile formulare adeguate misure di tutela. Un classico conflitto risulta dalla tensione tra biodiversità e urbanistica e tra biodiversità e agricoltura. In Alto Adige soprattutto l’intensificazione dell’agricoltura nella zone di montagna crea un problema quasi insolubile, perchè gli obiettivi della conservazione della natura non sono compatibili con quelli di un’agricoltura intensiva.La protezione di specie diventa anche difficile quando non esistono mechanismi di controllo efficaci. Questo molto spesso è il caso negli cosidetti  interventi non sostenziali."

  • Cosa può fare la società per realizzare il compito di protezione della specie?

"È necessario che in tutti i progetti che riguardano il paesaggio naturale e rurale venga integrato meglio l’aspetto della biodiversità. Un appello all’Amministrazione provinciale: Abbiamo estremo bisogno di un inventario del patrimonio naturale che serva come base per la pianificazione territoriale."

 

Ulteriori informazioni sulla protezione della biodiversità in EUROPA e materiale informativo al link

>> European Commission Press Release Database

 

Museo di Scienze Naturali dell'Alto Adige
Dott. Thomas Wilhalm
Via Bottai 1
39100 Bolzano

Tel. 0039 0471 41 29 60
Fax 0039 0471 41 29 79
e-mail: info@naturmuseum.it

www.naturmuseum.it

 

Downloads:

> Intervista dott. Thomas Wilhalm 1 [IT]

> Intervista dott. Thomas Wilhalm 2 [IT]

> Intervista dott. Thomas Wilhalm 3 [IT]


Condividi:  Facebook google+ twitter