Regolamentazione raccolta funghi

La questione giuridica del mese di luglio riguarda la regolamentazione differenziata della raccolta funghi nei tre territori dell'Euregio. Abbiamo intervistato a proposito il direttore dell'Ufficio amministrativo forestale della Provincia Autonoma di Bolzano, il dott. Florian Blaas.

1) Esiste una regolamentazione uniforme nell'Euregio per quanto riguarda la raccolta dei funghi?

No, non ho trovato nessuna disposizione europea unitaria per la raccolta dei funghi, perchè la raccolta di funghi non tocca i principi del diritto comunitario (p.e. la libera circolazione delle merci); poi non sarebbe sensato una disposizione unitaria, perchè ogni regione ha i fabbisogni particolari e la propria storia. E le disposizioni vengono fatte per risolvere i problemi concreti in un determinato contesto storico. Già nell'euregio Trentino-Südtirol-Tirol esistono 3 diverse disposizioni per la raccolta dei funghi: c'é una abbastanza semplice (Bundesland Tirol) e una assai complessa e complicata (Trentino) e quella del Sudtirolo si posizione non soltanto geograficamente in mezzo.

2) Cos'è previsto in Tirolo in merito alla raccolta dei funghi?

La disposizione vigente dell'anno 2005 prevede la raccolta ed il trasporto di funghi tra le ore 7 e 19 nella misura massima di 2 kg per persona e giorno. E' vietato l'uso di rastrelli e simili, così come sono interdetti "eventi organizzati" per la raccolta e il danneggiamento dei funghi. In caso di inosservanza l'organo competente ("Bezirkshauptmannschaft") ha un'ampia discrezionalità e può irrogare sanzioni amministrative fino a 30.000 €.

3) Cosa bisogna invece rispettare in Alto Adige in proposito?

La disposizione vigente risale all'anno 1991, è stata modificata in più parti l'ultima volta nel 2007 e piccoli rintocchi sono stati fatti per ultimo nel 2011. Generalmente vanno osservati 4 punti: dove - quando - quanto - come (danneggiamento, trasporto). In Sudtirolo ci sono 3 categorie di persone: 1) proprietario (può raccogliere giornalmente al massimo 3 kg), 2) cittadino nel proprio comune di residenza (solo i giorni pari, al massimo 2 kg) e 3) cittadino non residente nel comune (solo nei giorni pari, al massimo 1 kg, previo pagamento del diritto fisso di 8 €).

"I funghi non devono essere danneggiati sul terreno (sanzione amministrativa da 34 a 97 €) e devono essere trasporati in raccoglitori rigidi, aperti ed areati (sanzione da 34 a 97 €). E' vietato raccogliere in territori soggeti a vincoli paesaggistici e nei terreni chiusi dal proprietario - entrambe le zone sono evidenziate con appositi cartelli indicatori.

Sanzioni: al di fuori del comune di residenza 57 € più 34 €/kg (quindi come minimo 91 €) rispettivamente 57 € più 51 (sanzione minima 108 €), nel comune 34 € per ogni kg in eccedenza. Confisca di tutti i funghi o del quantitativo eccedente. In caso di rifiuto alla confisca la sanzione viene raddoppiata. "

4) Come si deve invece comportare un fungaiolo in Trentino?

Disposizioni contenute nella legge provinciale 2007 e nel regolamento 2009. A differenza del Sudtirol non esiste una disposizone unitaria a livello provinciale per il diritto alla raccolta, bensì ognuno dei oltre 200 comuni determina la tariffa per contro proprio. Percui si raccomanda al raccoglitore di funghi di rivolgersi all'azienda turistica locale o al comune per informarsi sulle disposizioni vigenti.

Principi generali: a) di regola bisogna fare una denuncia e il versamento al comune (entrambi senza per residenti e nati in un comune della provincia di Trento ed altre categorie). Vi sono restrizioni per parchi naturali ed i boschi demaniali della Provincia. Esiste anche la possibilità di determinare delle zone da parte dei proprietari o della Giunta provinciale, dove è vietato la raccolta (cartelli indicatori). La sanzione amministrativa ammonta a 34 € fino a 201 € per kg nelle zone interdete.

b) Non esiste una limitazione durante l'arco delle 24 ore. C) Giornalmente possono essere raccolti 2 kg per persona (sanzione amministrativa: 22-134 € per ogni kg eccedente, 28-168 € senza denuncia). D) I funghi devono essere puliti sul posto di raccolta, devono essere utilizzati contenitori forati e rigidi, i funghi non devono essere danneggiati e non devono essere usati rastrelli e simili (sanzioni da 11 a 67 €). Tutti i funghi vengono confiscati. In caso di rifiuto alla confisca la sanzione viene raddoppiata. Viene anche raddoppiata la sanzione in caso di recidività della raccolta senza denuncia e in zone interdette.

5) Lei cosa pensa personalmente dell'Euroregione Tirolo-Alto Adige-Trentino?

a) per ragioni di servizio: per me come pubblico ufficiale non sarebbe una prospettiva molto gradevole, dover occuparsene oltre alle proprie anche delle disposizioni delle regioni limitrofe. b) Privatamente: se il mondo giornalmente diventa sempre piú piccolo, perché si abbattono le frontiere e con un click al PC possiamo agire a livello globale, parallelamente nasce il fabbisogno naturale di voler conservare il proprio orticello in questo brodo primordiale mondiale. Per poter collaborare nonostante al di la delle frontiere, si sono fondate le euregioni. Sono un europeo convinto, però non della pappa unitaria per tutti e nemmeno dei stati nazionali, bensì delle regioni. L'Europa a lungo termine potrà essere solo un Europa delle Regioni.

Contatto:

Dott. Florian Blaas

Ufficio Amministrazione forestale - Provincia Autonoma di Bolzano
Palazzo 6, via Brennero 6
39100   Bolzano
Telefono: +39 0471 41 53 10
Sito Web: http://www.provincia.bz.it/foreste/amministrazione/83.asp?intOrga_id=966

Galeria foto

  • Porcini
  • Porcino
  • Finferli

Curriculum vitae

  • 1960 nato a Merano, ivi cresciuto e residente
  • 1979 esame di maturità presso il liceo classico "Beda Weber" di Merano
  • 1979-1985 corso di studio di scienze forestali presso l'università di "Bodenkultur" a Vienna
  • 1985 assunzione nel servizio provinciale, ufficio pianificazione forestale a Bolzano
  • 1986 servizio di militare a Brunico e Merano
  • 1987 addetto all'ufficio pianifiazione forestale a Bolzano
  • 1988-1995 addetto all'ispettorato forestale di Merano 1
  • dal 1995 direttore dell'ufficio amministrazione forestale a Bolzano

Condividi:  Facebook google+ twitter