Accademia dall'Euregio 2014/15

>> Programma Follow-up Accademia dell'Euregio, Alpbach, 19.-21. Alpbach 2016

L'alta via dell'Autonomia - radici, sfide e futuro

Il GECT Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino e la Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, hanno organizzato nel biennio 2014-2015 per la prima volta il progetto “Accademia dell‘Euregio – Alta via dell’Autonomia”: per tre fine settimana 45 studenti e giovani interessati dell'Euregio hanno avutoo la possibilità di partecipare a seminari qualificati, acquisendo nozioni di base e discutendo sugli argomenti centrali dell‘Euregio.

>>PROGRAMMA ALPBACH 21 - 23 agosto 2015 (PDF)

>> PROGRAMMA BOLZANO 11+12 aprile 2015 (PDF)

>> PROGRAMMA TRENTO 13+14 dicembre 2014 [PDF]

L’abitudine alla convivenza nell‘Euregio si fonda su una tradizione e su una cultura di autogoverno che risalgono al Medioevo. L‘autonomia è quindi un valore e un principio di azione tanto per i politici quanto per la popolazione.

Nel 2011 è stato istituito il Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT) della Regione europea Tirolo-Alto Adige-Trentino con l’obiettivo di sviluppare e rafforzare la collaborazione tra i tre territori del Tirolo storico nei vari ambiti della vita quotidiana, inaugurando a una nuova qualità istituzionale.

La Fondazione Trentina Alcide De Gasperi è stata istituita nel 2007 per gestire il Museo Casa De Gasperi di Pieve Tesino e per approfondire e valorizzare in chiave contemporanea la figura dello statista trentino, uno dei primi uomini politici che nel Novecento si pose il problema della convivenza tra le diverse culture di queste terre di confine.

La quota di partecipazione era di 50 euro per l‘intero ciclo di seminari (comprende la partecipazione, vitto, alloggio e trasferimenti nell‘ambito del programma). Si potevano iscrivere persone sotto i 35 anni che conoscono l‘italiano e il tedesco (livello consigliato B1). Per partecipare era necessario compilare un modulo e allegare un curriculum vitae.

Nella primavera del 2015 si è svolto un viaggio a Strasburgo, uno dei luoghi simbolo dell‘Europa.


Condividi:  Facebook google+ twitter